Tutti noi fotografi iPhone lo chiedevamo da anni e finalmente siamo stati accontentati, Apple ProRaw è la nuova funzione dell’iPhone che permette di scattare foto in Raw direttamente dall’app Fotocamera.

La funzione di Apple ProRaw è stata introdotta con l’aggiornamento ad iOS 14.3 dopo l’uscita dell’iPhone 12 Pro e Pro Max ed ora è disponibile su tutti i modelli successivi, compresi quindi gli iPhone 13, iPhone 14 e iPhone 15.

Ma perché questa funzione è così importante per i fotografi iPhone?

Questo formato combina la flessibilità e la qualità superiore nell’elaborazione delle foto in RAW con le tecnologie di fotografia computazionale presente negli iPhone, come il deep fusion, lo smart hdr o la modalità notte, giusto per fare qualche esempio.

Inoltre a differenza dei tradizionali file JPEG o HEIF (heif max), il formato ProRaw conserva una quantità maggiore di informazioni visive in tutte le aree della foto, permettendo così modifiche post-scatto molto più dettagliate e d’impatto.

Per alcune persone questa nuova opzione potrebbe non fare grande differenza ma, invece per chi ama davvero la fotografia, sopratutto da iPhone, risulterà una svolta epocale.

Se non sai cos’è, sei curioso o stai cercando di scoprire ogni dettaglio continua a leggere perché sto per svelarti ogni segreto di Apple ProRaw.

NOTA BENE: Alla fine dell’articolo potrai trovare il video su Youtube di iCamera dove parliamo di Apple Pro Raw, non perdertelo, mi raccomando!

Vantaggi dell’Uso di Apple ProRaw

Apple ProRAW offre diversi vantaggi per i fotografi iPhone che ricercano un maggiore controllo ed una maggiore qualità nelle loro immagini.

apple proraw

Se sei esperto e sai già tutto, passa al prossimo capitolo.

Se invece non hai la minima idea di quali sono i vantaggi derivanti dallo scatto con questo formato, allora leggi molto attentamente quello che ti sto per dire.

Ecco alcuni dei principali vantaggi dell’uso di Apple ProRAW rispetto ai formati tradizionali come JPEG o HEIF (heif max).

 

Nessuna perdita di dati

A differenza dei formati come JPEG (o HEIF), che perdono una parte molto grande di dati (da nostre stime tra il 60 ed 90%) durante la compressione e l’elaborazione delle immagini, il formato ProRAW conserva quasi tutte le informazioni catturate dal sensore della fotocamera.

Questo significa che ogni dettaglio, anche il più fine, viene mantenuto inalterato.

Oltretutto devi sapere che i formati compressi (jpeg o heif) a volte potrebbero introdurre artefatti visivi indesiderati. Con l’uso del ProRAW, questi artefatti sono ridotti al minimo, offrendo un’immagine più pulita e naturale.

 

Maggiore gamma dinamica

ProRAW cattura una gamma dinamica più estesa rispetto ai classici formati, permettendo di conservare più dettagli sia nelle aree molto scure, sia in quelle molto luminose.

Regola dei terzi cielo

Questo è particolarmente utile in scenari di alto contrasto, come nelle situazioni in controluce o scene con forti luci e ombre.

Inoltre, sempre per la mancanza di compressione i file Proraw permettono di ottenere un livello di nitidezza superiore.

I dettagli delle texture, come i fili d’erba, i peli degli animali, o i dettagli dei tessuti, risultano molto più definiti.

Colori più Ricchi e Naturali

ProRAW cattura una gamma di colori più ampia e accurata rispetto ai formati compressi e questo si traduce in colori più ricchi e realistici, con transizioni graduali e sfumature più sottili.

Digital Art Museum

La capacità di catturare una maggiore profondità di colore consente di ottenere un’accuratezza cromatica superiore, fondamentale per lavori professionali dove la precisione del colore è cruciale.

 

Migliore fase di editing

Per fare post produzione, le differenze tra le foto fatte con Apple ProRaw e JPEG sono abissali.

I file Jpeg, come abbiamo già detto prima, che escono da qualsiasi dispositivo, sono stati in qualche modo modificati dal software della fotocamera.

Il software in questione, che sia dello smartphone o della reflex, andrà a cambiare alcuni dettagli con lo scopo di “migliorare” la foto secondo quelli che sono i suoi parametri per renderla pronta all’uso.

Ma non solo, infatti esso deciderà anche cosa tenere e cosa scartare dall’immagine originale.

raw vs jpg

Proprio per questo il file Raw pesa molto di più, perché non viene smagrito dal software, conservando tutte le informazioni.

Nel Jpeg invece, tutto quello che viene ritenuto “non indispensabile” andrà cestinato.

Ovviamente non sono cose visibili a occhio nudo, almeno non nella maggior parte dei casi.

Ma, quando si comincerà a modificare la foto con i vari programmi di editing tutti questi byte persi si tradurranno in modifiche impossibili da effettuare.

raw vs jpg

Quali? Ad esempio schiarire zone d’ombra o recuperare delle zone sovraesposte, solo per citarne alcune…

In aggiunta, dato che il Jpeg subisce una sorta di editing automatico, presenterà modifiche non desiderate che andranno a limitare ulteriormente le nostre possibilità future.

 

Come Funziona Apple ProRaw

Fatte le doverose premesse, in questa parte di guida ti spiegherò come funziona Apple Proraw, andando a attivarlo prima di tutto tramite le impostazioni della fotocamera iPhone.

Poi andremo a vedere come modificare le foto scattate con Apple ProRaw, ed infine ti mostrerò alcuni test fotografici fatti da me personalmente, nei quali ti mostro le differenze tra jpeg e raw con diverse condizioni di luce.

 

Impostazioni Proraw su iPhone

Prima di poter usare il proraw sulle tue foto da iPhone dovrai prima di tutto attivarlo.

Ecco i passaggi che devi fare per attivare Apple ProRaw dalle Impostazioni:

  1. Vai in Impostazioni;
  2. Clicca su Fotocamera;
  3. Seleziona Formati;
  4. Attiva Apple ProRaw.

Impostazioni Apple Pro Raw

Fatto questo, ti sarai dato la possibilità di decidere quale formato usare per i tuoi scatti.

Attento però, ancora non stai scattando delle foto in raw, avrai solo fatto in modo che la funzione ProRaw sia selezionabile dalla schermata della fotocamera.

Se presti attenzione infatti, una volta aperta l’app, in alto a destra troverai la scritta “Raw” barrata.

Cliccandoci sopra la barra sparirà, il che significa che da quel momento il tuo telefono ti starà consegnando i Raw.

Attivazione Apple ProRaw

Fai molta attenzione a non attivarla per sbaglio altrimenti le tue foto ti potrebbe sembrare strane (perché appunto non sono state editate dal software) e peseranno molto di più.

 

Modificare foto ProRaw: strumenti e tecniche consigliate

Come ho detto prima, i Raw sono file che devi per forza modificare.

Non hai davvero alternative perché altrimenti risultano quasi inutilizzabili.

Per modificare una foto Proraw hai due opzioni:

  • usare la funzione modifica nell’App Foto dell’iPhone;
  • usare app professionali per la modifica della foto.

Qualsiasi soluzione tu scelga (io tendo ad usare sempre la seconda) ti consiglio di leggere la guida completa su come modificare le foto da iPhone.

Se ti stessi chiedendo con quali app puoi modificare le tue foto in ProRaw io ti suggerisco Adobe Lightroom e/o Snapseed.

Schermata Lightroom - app filtri iPhone

In ogni caso, per mettere a frutto le potenzialità di Apple Proraw, un pò di post produzione sarà necessaria.

Siccome però, grazie a questa funzione, avrai sfruttato tutto il potenziale del tuo iPhone, avrai file davvero molto puliti se comparati a quelli di altre app.

Come abbiamo detto prima, nel capitolo sui vantaggi dell’uso del ProRaw, il rumore digitale risulterà minore, la definizione maggiore e le modifiche in generale più semplici e gestibili da applicare.

Sarà come avere già metà del lavoro fatto prima ancora di passare alla fase di post produzione.

Una svolta incredibile per la fotografia da iPhone.

 

Test e considerazioni

Armati del nostro iPhone (test eseguito con iPhone 12 Pro) abbiamo voluto testare a fondo le potenzialità di Apple Proraw.

Abbiamo comparato delle foto scattate in Raw e delle foto scattate in JPEG in diverse condizioni di luce.

Ed ora, risultati alla mano possiamo trarre alcune conclusioni.

Prima di tutto, quello che salta immediatamente all’occhio è che questo nuovo formato fotografico di casa Apple risulta molto più avanzato rispetto un file RAW di un’app di terze parti.

Come detto prima perchè l’Apple Pro Raw sfrutta anche varie migliorie software allo scatto, come il deep fusion, lo smart HDR e così via…

In secondo luogo, com’era lecito aspettarsi, a primo impatto i file jpg sfornati direttamente dall’iPhone sono molto migliori.

Non ha nessun senso scattare in raw se non si può o non si vuole ricorrere a una successiva fase di editing.

Le immagini sono infatti pesantissime, superando facilmente i 25 Mb e non sempre possono essere visualizzati da tutte le app.

Questo ovviamente non deve sorprendere, era già ampiamente preventivato.

 

Test con ottima quantità di Luce

Partendo da condizione di luce normale, possiamo notare che comunque il Jpg di iPhone risulta essere davvero di ottima qualità. 

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti.

jpg vs proraw

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti facendo un ingrandimento del 100%.

 

Test con luce tenue

Se invece la luminosità della scena inizia a diminuire allora i vantaggi del Raw iniziano a farsi vedere in modo abbastanza netto.

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti durante la golden hour.

jpg vs raw tramonto

Se andiamo poi a zoomare su alcune parti della scena noteremo inoltre che il rumore digitale risulta meno marcato e una miglior nitidezza generale dei vari elementi.

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti durante la golden hour facendo un ingrandimento del 100%.

jpg vs raw tramonto zoom

Scattando al tramonto quindi si può facilmente notare del livello di dettaglio superiore offerto rispetto al Jpg.

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti durante la blue hour (foto scattata a mano libera).

raw vs jpg sera

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti durante la blue hour facendo un ingrandimento del 100%.

jpg vs raw sera zoom

 

 

Test in notturna

La terza ed ultima prova risulta essere nelle condizioni in assoluto più difficili per uno smartphone, mi riferisco allo scatto in notturna.

Ancora una volta le potenzialità di Apple Proraw la fanno da padrona, vincendo di parecchio in termini di qualità e grana rispetto al Jpg.

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti notturni.

jpg vs proraw notte

Anche se il Jpg fa davvero un lavoro egregio (bisogna ammetterlo) non potrà assolutamente reggere il confronto con un po’ di sano lavoro ben fatto con Lightroom.

Qui in basso puoi notare la comparazione tra i due scatti notturni facendo un ingrandimento del 100%.

jpg vs proraw notte zoom

 

Quando usare il ProRaw

Ora che ti ho mostrato i test che ho eseguito personalmente a Roma è il momento di trarne delle conclusioni, cercando di capire quando conviene usare Apple Proraw per le proprie foto da iPhone.

 

Luce ottimale

In condizione di luce ottimale l’utilizzo del Raw ti sconsiglio l’uso del Proraw, in quanto andrebbe ad aggiungerti il lavoro della post-produzione senza davvero darti grossi benefici in termini di qualità.

A meno che tu non voglia fare un lavoro di editing pesante al tuo scatto, come abbiamo fatto noi con lo scatto qui in basso.

Immagine colosseo editata con lightroom mobile

Quindi, nel nostro test di Apple Proraw in pieno giorno o comunque dove c’è una situazione di luce ottimale:

  • Ci sono poche differenze tra i due file tra RAW editato e JPEG;
  • Le differenze sono visibili solo zoomando parecchio;
  • Il RAW è comunque leggermente migliore a livello di dettagli e rumore;
  • Il RAW ovviamente è più editabile rispetto al JPEG, sopratutto nel caso in cui si voglia fare un editing pesante;

 

Il responso è che per chi non se ne intende molto di editing non conviene scattare le foto in RAW perchè: 

  • pesano di più;
  • senza editing non sono migliori dei JPEG;
  • potrebbero essere non leggibili da tutte le piattaforme;

Chi invece si intende di editing non conviene molto, o quanto ci si può aspettare dallo scattare in RAW in condizioni di buona/ottima luce, eccetto per quei casi in cui si voglia fare un pesante editing;

 

Luce tenue

Scattare in ProRaw quando le condizioni di luce calano non è solo consigliato ma risulta necessario qualora si voglia ottenere davvero il massimo dalla foto.

Quindi riassumendo in condizioni di luce tenue:

  • Differenze molto più visibili tra i due file rispetto alle foto in pieno giorno;
  • Il RAW è molto migliore a livello di dettagli e rumore;
  • Il RAW ovviamente è più modificabile rispetto al JPEG, sopratutto nel caso in cui si voglia fare un editing pesante;

Il responso per chi non se ne intende molto di editing è lo stesso delle foto in Pieno Giorno.

Chi invece si intende di editing, durante queste condizioni di luce conviene scattare in RAW.

 

Luce Notturna

A meno che tu sia completamente inesperto riguardo al mondo dell’editing o ti manchi il tempo necessario da dedicargli, scattare in ProRaw sarà sempre l’opzione migliore in condizioni non ottimali.

Quindi riassumendo in condizioni di luce scarsa:

  • Differenze molto più visibili tra i due file rispetto alle foto in pieno giorno;
  • Il RAW è molto migliore a livello di dettagli e rumore;
  • Il RAW ovviamente è più editabile rispetto al JPEG, sopratutto nel caso in cui si voglia fare un editing pesante;

Il responso per chi non se ne intende molto di editing è lo stesso delle foto in Pieno Giorno;

Chi invece si intende di editing, in piena notte conviene scattare in RAW.

 

Come promesso all’inizio della guida ecco il nostro video sul canale YouTube di iCamera che parla proprio di Apple Pro Raw su iPhone:

Se ti è piaciuto l'articolo, condividilo! Grazie :)